Alterazioni del sistema di pompa muscolare

Perché camminare fa bene

La contrazione dei muscoli del polpaccio costituisce il più attivo meccanismo di pompa della circolazione venosa dell’arto inferiore. Questi muscoli contraendosi e rilasciandosi durante il cammino pompano il sangue verso l’alto. Questo meccanismo è collegato con i movimenti del piede e della caviglia che durante il passo iniziano la spinta del sangue verso l’alto.

Alterazioni del sistema di pompa muscolare

a : inizia il passo – il sangue dal piede viene spinto verso la gamba
b : durante il passo – contrazione dei muscoli del polpaccio che svuotano il sangue della gamba verso la coscia.
c : termina il passo – la gamba si solleva, i muscoli si rilasciano, le vene si riempiono con nuovo sangue.
(da : “Theorie et pratique de la cure CHIVA”. C. Franceschi, modificato)

Appare evidente allora che tutti gli eventi che ostacolano il normale cammino, rallentano la risalita del sangue e favoriscono la malattia varicosa. Così l’uso di scarpe con i tacchi alti, o scarponi che blocchino le caviglie riducono la contrazione del polpaccio. L’obesità sovraccarica le articolazioni, rallenta i movimenti, favorisce l’immobilità. Lesioni delle articolazioni specie della caviglia (piede piatto, artrosi, traumi) diminuiscono l’efficacia del passo; l’inattività prolungata (malattie, fratture, vecchiaia, perdita dell’equilibrio, ecc.) atrofizza i muscoli con lo stesso risultato; i difetti posturali (deviazione della colonna vertebrale, squilibrio nella marcia) provocano asimmetria del lavoro muscolare.

Al contrario, tutti sanno che “camminare fa bene” se si hanno le gambe gonfie o stanche e che in caso di posizioni obbligate prolungate viene naturale “sgranchirsi le gambe“, cioè farle lavorare per sentirle più leggere.